New drugstore kamagra australia online tablets-au.com with a lot of generic and brand medications with mean price and fast delivery.

Musica perseguitata

Giornata della Memoria 2014
Sabato 25 gennaio 2014 (ore 18,00 – precise)
Real Albergo dei Poveri
Piazza Carlo III° n. 1 - Napoli
(presso Palestra Kodokan)
Psichiatria Democratica
Dai campi e dagli shtelt
Musica e oblio
La musica klezmer
( tratto da “La musica klezmer per promuovere la pace”) La musica Klezmer accompagna da tempo “i passi” degli ebrei. E non solo.
Il termine klezmer indica, seppure in maniera generica, un particolare tipo di musica popolare delle etnie ebraiche
orientali sviluppatasi dal XV secolo. I vocaboli “ Kley” e “ zemer”, costituiscono una parola yiddish e risultano dai
termini ebraici indicando: il primo lo strumento ma anche l’attrezzo nel mentre il secondo il canto od anche un tipo di
musica strumentale. Risulta così che la loro fusione secondo alcuni assumerebbe il significato di strumento
dell’anima od ancora strumento che canta mentre altri ritengono significhi più specificamente strumento della melo-
Le musiche prodotte venivano eseguite dai Klezmorin, suonatori itineranti che si spostavano di villaggio in villag-
gio ricevendo ospitalità o presso le sinagoghe o dalle stesse persone o gruppi che li avevano ingaggiati, perchè allie-
tassero gli sposi od eseguissero musiche per festeggiare ricorrenze, circoncisioni,inaugurazioni dei luoghi di culto o
semplicemente per intrattenere le popolazioni nei locali pubblici nei giorni di mercato.
…La musica klezmer, si veste di pace perché non abolisce le diversità. Le esalta.
E le note sono globuli,
arterie,
nervi e pulsazioni di vita che nuotano,
si muovono dentro struggenti malinconie.
Dentro travolgenti marce.
Pulsazioni di umori e sogni.
Lutti. Speranze.
E’ vita la caparbietà dei suoi ritmi, dei ritornelli infiniti.
Si annida dentro le nostre viscere, le avvolge e sale fino al cuore.
Alla testa.
E’ la musica di chi sta insieme nel dolore della perdita e nella giocosità del ritrovamento.
Dell’appartenenza.
E ti prende,senza indugi e ti scuote e non ti dà tregua, fino a che non ti libera.
E ti fa ascoltare il ritmo cardiaco e la pulsione alla fuga.
Al ritorno.
Ed ancora ti interroga.
Con severità e decisione.
Con passione struggente.
Ti avvolge. E ti chiede: con chi stai?
Perché? E dove vai?
E così incontri il nord ed il sud e la nota, lo strumento che raggiunge il tuo stomaco sono preghiera sussurrata, od ur-
Irrefrenabili.
La musica klezmer è nostalgia del viaggio interrotto.
Impedito.
E’ inquietudine che sale. Lentamente. E poi corre nei tuoi muscoli, li scuote.
E’ il viaggio da riprendere.
Subito. Domani.
E’ sacralità.
Ilarità.
Approdo di popoli e di nomadi con le loro case viaggianti, ricolme di occasioni perdute.
Abbandonate nella fuga.
Ritrovate nei sogni.
E negli occhi che guardano lontano.
Scrutano il passato.
Sì, la musica klezmer racconta del viaggio forzato.
Sono note sparate contro la sopraffazione.
Mai più con la schiena curva.
Lo sguardo dritto, severo.
Sguardo futuro.
E le note sono montagne, scale che sanno di vodka e di sudore.
Di rabbia e di passione.
E non c’è tempo:bisogna che ascolti. Scelga.
Senza tentennamenti: la vita non li accetta. Li punisce.
La musica Klezmer è il Paese nuovo.
E’ la memoria che si erge: ma non è un muro.
E così parole e suoni si fondono e parlano il linguaggio di uno, cento, mille.
P R O G R A M M A
ore 18,00 - introduzione di :

Emilio Lupo
, Segretario Nazionale di Psichiatria Democratica;

ore 18,10 - interventi di:

Sergio D’Angelo, gruppo di imprese sociali GESCO;

Rosario Stornaiuolo,
Presidente della Federconsumatori Campania;

Coordinamento:

Giuseppe Marmo,
Presidente Associazione Kodokan, Napoli.

ore 18,30: "Musica e oblio":
Concerto di musica klezmer a cura della Knorrband con :
Antonella Liccardo - voce e fisarmonica
Michele Grieco - fiati
Fabio D'Onofrio - oboe
Carlo di Gennaro - percussioni Giancarlo Sanduzzi – bouzouki ;Gianfranco Sanduzzi –
basso e voce
Nota biografica del gruppo Knorrband
Nato nel 1998 per volonta' di alcuni musicisti napoletani di varia formazione musicale e dediti da tempo allo studio e all'esecuzione della musica etnica, sin dall'inizio il gruppo si caratterizza per il repertorio basato prevalentemente su brani, tradizionali e d'autore, di musica klezmer, ovvero la piu' importante espressione musicale delle comunità ebraiche ashkenazite dell'Europa centro- Con il suo bagaglio di melodie girovaghe, meticce, contaminate e visceralmente popolari, la Knorrband ha sentito l'esigenza di raccogliere il testimone dagli anonimi musicisti di strada, ani- matori di balli nelle feste e nelle ricorrenze, esibendosi in tutti quegli spazi deputati all'incontro, al dialogo e alla gioia di fare musica, nonché partecipando ad alcune importanti iniziative e rassegne tra cui la Conferenza sul ruolo di Isaac Singer nella letteratura yiddish a Bari nel 2000, la Giornata della Memoria organizzata dalla Regione Campania dal 2003 al 2006, l'XI° ed. della Rassegna dell'Editoria di Cultura a Roma nel 2003, la IV° ed. della Rassegna Internazionale delle Arti in Strada nel 2003, la III° ed. del Festival Vietri sul Mare a Villa Graviglia nel 2003, l'IX° ed. dei Con- certi d'Autunno alla Chiesa Evangelica Luterana di Napoli nel 2004, in occasione degli Incontri Culturali israeliano-palestinesi alle Basiliche Paleocristiane di Cimitile nel 2004, il Festival Luchino Visconti a Ischia nel 2005, il Festival Internazionale di Ravello nel 2005, il Festival d'Arte Teatrale "Eruzioni" a Ercolano nel 2006, in occasione della festività di Purim alla Sinagoga di Napoli nel 2006, il Festival "La cultura delle minoranze" a Greci nel 2007, l'inaugurazione della mostra "Il circo volante" di Svjietlan Juganovic al Museo Pan di Napoli nel 2008, il Petilia Festival a Pitigliano nel 2008, la Festa Europea della Musica nel 2009, la rassegna Viaggio di Ritorno nell'ambito degli eventi preparatori per il Forum Universale delle Culture nel 2010, l' inagurazione della mostra 'Terra Madre Terra' nell'ex Asilo Filangieri nel 2011, e tenendo concerti in teatri, università e asso- Nel 2005 ha messo in scena lo spettacolo teatrale "Di piccoli villaggi perduti: racconto in musica di anime in movimento"; nel 2007 "Sotto la tua bianca stella" e nel 2008 "Amol iz geven-C'era una vol- ta", alternando in tutti i lavori - ideati da Gianfranco Sanduzzi e messi in scena con l'ausilio dell'at- tore Mario Mauro - i brani classici della tradizione musicale ebraica alla lettura di testi inerenti al variopinto universo yiddish. Nel 2009 ha curato gli interventi musicali dello spettacolo "Sotto i 4 anni è gratis" scritto ed interpretrato da Antonio Carletti. Da qualche anno, parallelamente all'esecuzione dei brani tradizionali klezmer, il gruppo ha intra- preso un lavoro di rielaborazione e composizione di brani originali sempre ispirati alle sonorità e alle atmosfere ebraiche. Gli arrangiamenti sono opera del Maestro Giancarlo Sanduzzi. Nel 2008 la Knorrband ha registrato il CD "Yiddish Soup" che raccoglie undici brani tra i più rap- Dal 2013 il gruppo si avvale della collaborazione del Maestro Fabio D’Onofrio all’oboe, apprezzato interprete di musica barocca eseguita su strumenti d’epoca. L’inserimento dell’oboe è cosa inusua- le per le formazioni Klezmer, anche se uno strumento probabilmente simile ha suonato queste me- Con questa formazione la Knorrband si è esibita alla Domus Ars di Carlo Faiello a Napoli, allo Zurzolo Teatro Live di Marco Zurzolo, Napoli, al Teatro Comunale di Sinalunga (Siena) e alla Si- nagoga di Napoli per la Giornata della Cultura Ebraica.

Source: http://www.napoliclick.it/portal/files/eventi/Giornata_della_MEMORIA_2014.pdf

12.4 article

KUIPERS, DOUMA AND KOKKE : RECENT EUROPEAN DEVELOPMENTS REGARDING PATENT EXTENSIONS (SPCs AND PAEDIATRIC EXTENSIONS) : VOL 12 ISSUE 4 BSLR(‘the Court’). In November 2011 the court rendered judgmentsin two cases, and reasoned orders1 in three more, about theinterpretation of Article 3(a) and (b) of the Regulation (EC)469/2009 of 6 May 2009 concerning the supplementaryprotection certificate

Certification de la visite mdicale : etat des lieux et prospesctives

AMELIORATION DE LA QUALITE ET DE LA SECURITE DES SOINS AMÉLIORATION DE LA PRESCRIPTION CHEZ LE SUJET ÂGÉ LES INDICATEURS D’ALERTE ET DE MAÎTRISE DE LA IATROGÉNIE (AMI) IPC AMI n°7 : COPRESCRIPTION D’ANTIHYPERTENSEURS CHEZ LE SUJET ÂGÉ PRÉVENTION DE LA IATROGÉNIE DES MEDICAMENTS Les indicateurs de pratique clinique (IPC) constituent un sous ensemble

Copyright © 2010-2014 Pdf Physician Treatment